The Daily: bello, economico ma niente effetto “wow”

4 February 2011
By

Il 2 febbraio è stato presentato il Daily, il primo quotidiano pensato per iPad e dispositivi tablet e realizzato dalla News Corp di Murdoch. A livello tecnico, The Daily è la prima applicazione in commercio che sfrutta il nuovo sistema di In-App subscription, funzione che permette di sottoscrivere l’abbonamento al giornale/rivista dirattemente dall’applicazione e ricevere i nuovi numeri senza dover scaricare aggiornamenti della app stessa (come invece era prima).

Articoli e contenuti
Ogni articolo può essere condiviso e permette i commenti. Già leggendo i primi in questa mattinata emerge quello che forse è uno dei punti deboli del Daily: la tanto attesa cura nei contenuti, nata anche dall’investimento di 30 milioni di dollari circa da parte di Murdoch nel progetto, non risulta evidente.
Anche se l’applicazione è ben progettata e le foto sono belle, il problema è che non c’è nulla dal punto di vista dei contenuti e della loro presentazione che faccia preferire il Daily alla lettura delle stesse notizie pubblicate su un altro quotidiano, presumibilmente in maniera gratuita e con molta più liberta (es: non è necessario avere l’iPad).

Prezzi
99 centesimi di dollaro a settimana oppure 39 dollari per un abbonamneto annuale. Disponibile solamente negli Stati Uniti (per ora), The Daily è scaricabile gratutitamente dall’App Store e permette di usufruire dei proprio contenuti in maniera gratuita per le prime due settimane.
L’abbonamento costa poco e quindi il numero di potenziali abbonati potrebbe essere elevato rispetto ad altri quotidiani. Un abbonamento con un prezzo basso ha una necessità di ricevere tante sottoscrizioni per rientrare nelle spese e qualcuno, me compreso, pensa che sarà difficile dato che là fuori (ovvero qui sul Web), il prezzo dell’informazione quotidiana è sempre più vicino a “gratuito”.

The Daily tutto gratis sul Web: non è vero
Ad un giorno dalla presentazione, Andy Baio ha realizzato un tumbler in cui vengono proposti articoli del Daily in maniera gratuita. Non tutti però, bisogna fare attenzione: gli articoli raggruppati sull’Index creato da Baio sono quelli che sono stati condivisi dalle persone tramite l’applicazione iPad e perciò non sono tutti.

Futuro dell’editoria? Non proprio
Concordo in pieno con Scott Rosenberg quando dice:

The Daily also contains no links. There are no RSS feeds. No email addresses to contact the writers and editors. No email alerts or mailing list. Comments on the articles, yes, but not reachable through the Web. No, archives, back issue index, or search! (They’re on Twitter, however. They have a blog, too, and it’s not bad.)

In other words, most of the apparatus of two-way communication that every serious digital publishing venture of the past 15 years has taken as a given is missing from the Daily. They’re serious about this iPad-only thing! But they don’t seem to realize that they’re repeating the mistakes of the very recent past.

Considerazioni generali: The Daily, manca l’effetto “wow”
Una applicazione ben disegnata, con una cura elevata dei dettagli grafici e della fruibilità dei contenuti. Sono diverse le sezioni tematiche di cui il Daily offre articoli (tutti ovviamente ri-pubblicabili su facebook e twitter) come news generali, gossip, sport, arte e cultura; al comparto editoriale si affiancano i servizi di intrattenimento come oroscopo e sudoku.
Carina anche l’idea di avere una versione in breve delle notizie anche in formato video che permette di avere una panoramica su quanto il numero del giorno offre.

Da utente finale, che poi è qui dove tutto si gioca, io non mi abbonerei al Daily, non spenderei nemmeno i 39 dollari annuali poiché le notizie che trovo lì le posso trovare anche sul Web in maniera gratuita. E poiché leggere il Daily non è tanto diverso che leggere altri magazine per iPad, non sono invogliato ad abbonarmi.

Lanci l’applicazione, pensi “Cavoli, ben fatta, curata” ma poi la richiudi e vai a leggerti le notizie dove le hai sempre trovate ad aspettarti, gratuitamente e sempre aggiorante: sul Web.

Ti é piaciuto quello che hai letto? Condividilo!

Post correlati

Tags: , , , ,

Personaggi Interessanti

Archivio